House for sale
     Casa in vendita

     





IL CASO di iCLOUD

"L'incubo del giornalista "tech""
"Gli hacker mi hanno rubato la vita"






Il reporter e blogger americano Mat Honan, firma di Wired, ha perso tutte le mail, le foto e i documenti: i pirati informatici volevano violare il suo account Twitter, particolarmente pregiato. Né forza né fortuna per recuperare le password: hanno semplicemente chiamato il servizio clienti di Amazon e Apple

di PAOLA ROSA ADRAGNA

UNA VITA (digitale) completamente cancellata. Spazzata via. Irrecuperabile. Il primo compleanno della figlia, i cari scomparsi da poco e quegli attimi con gli amici del college che con il tempo ha perso di vista. Momenti della vita di Mat Honan, firma di Wired, cancellati dalle memorie fisiche di computer e telefono da una coppia di hacker ventenni che volevano divertirsi con il suo account Twitter.

Un pizzico di astuzia e i numeri di telefono del servizio clienti Amazon e Apple. Questo è servito ai due ragazzi per impadronirsi della vita digitale di Mat e distruggerla. Nel giro di un'ora, come racconta lo stesso Honan sul suo blog 1, i due sono entrati nel suo account Google e lo hanno rimosso. Hanno poi usato il suo profilo Twitter, postando commenti omofobi e razzisti ("Ed è così che gran parte dei miei amici sono venuti a sapere quel che stava accadendo", racconta). Ma più di ogni altra cosa, hanno violato il suo AppleID e hanno cancellato tutto: foto, mail, documenti - un intero archivio digitale in gran parte conservato sul computer portatile. "Senza un backup", si maledice ora Honan. Non c'è più niente sul suo iPhone, né sull'iPad, tantomeno sul MacBook.

Inizia tutto verso le 17 di venerdì scorso, mentre Mat gioca con la sua bambina. Il telefono si spegne, lui aspetta una telefonata e lo riaccende, inserisce la password di iCloud ma è sbagliata. Va per collegare il telefono al MacBook e scopre che le informazioni del suo account Google sono sbagliate. Serve un codice Pin da quattro cifre, che Mat non ha. L'idea dell'hackeraggio si fa strada nella sua mente e si rivolge al servizio clienti Apple. Una telefonata da 90 minuti che non risolve certo le cose, soprattutto perché per buona parte del tempo l'operatore crede di parlare con un altro cliente. L'equivoco dà a Mat però un'informazione fondamentale: per entrare nell'iCloud di un qualsiasi utente bastano un indirizzo di fatturazione e le ultime 4 cifre di una carta di credito. Due dati facilmente reperibili sul web, come ha scoperto a sue spese. E come gli ha spiegato uno dei due hacker, Phobia, 19 anni, che ha deciso di raccontargli passo dopo passo il percorso seguito, in cambio della promessa di non essere denunciato.

"Non ho indovinato le tue password, né usato la forza". Inizia così il racconto di Phobia, che piano piano, rivela le falle dei sistemi di sicurezza dei due colossi coinvolti nel caso. Ma partiamo dall'inizio. Phobia risale alla mail Google di Mat tramite il suo sito. Va nella pagina di recovery di Google e fa finta di voler recuperare la password smarrita, e scopre l'indirizzo secondario ".Me", associato all'AppleID. Con questa informazione gli basta solo rintracciare l'indirizzo di Mat e le ultime quattro cifre della sua carta di credito per ottenere le credenziali d'accesso di iCloud direttamente dal servizio clienti AppleCare.

Il complice di Phobia recupera l'indirizzo postale tramite il dominio di Mat, ma sarebbe stato possibile anche su un semplicissimo elenco telefonico. Non è altrettanto facile con il codice della carta, ma l'assistenza Apple non è l'unica che si può raggirare facilmente. Una telefonata ad Amazon - anzi due - e il gioco è fatto. Grazie alle informazioni che ha già, con la prima chiede di inserire una nuova carta di credito associata al profilo, mentre con la seconda fa finta di aver perso le credenziali di accesso e ottiene la possibilità di verificare tutte le carte di credito registrate sul proprio profilo. O meglio, solo gli ultimi quattro numeri. I quattro necessari per chiamare AppleCare e ottenere l'accesso ai ricordi di Mat e cancellarli per impedirgli di recuperare il possesso del suo pc o del suo telefono. Non per vendetta o per odio, spiega Phobia a un Mat disperato. Ma per poter usare il suo account Twitter perché a loro piace il suo nome utente: @mat. Un account che Honan si aggiudicò proprio in virtù del suo essere un geek, un maniaco della tecnologia, e in quanto tale tra i primissimi utenti del social network.

La domanda resta perché tutto questo. Mat lo chiede a Phobia, ma la sua risposta non è soddisfacente. Il giovane hacker vuole pubblicizzare i buchi nella sicurezza delle grandi compagnie, così che possano sistemarli. Non è lui che ha materialmente ripulito la sua memoria, bensì il suo complice, ma sembra dispiaciuto. Alla fine, però, Honan ammette di non avercela neanche particolarmente con i due giovani hacker: "Sono un esperto di tecnologia, avrei dovuto saperlo che andava fatto un backup di quello a cui tengo", racconta ora. Così come non gli pare ora una grande idea l'aver utilizzato account di posta "concatenati" e tutti riconducibili all'account Apple, e impostazioni di sicurezza più complesse.

L'intera storia apre un dibattito sull'affidabilità delle password e dei controlli sulla rete, specialmente con il cloud, ora che tutto è connesso. I codici alfanumerici tutelano abbastanza la sicurezza? Alcune informazioni sensibili vengono reperite con troppa facilità? L'unica cosa certa è che Mat non scorderà mai più di fare un backup, sperando che da qualche parte - nella nuvola - gli vengano restituite le foto della sua bimba. (10 agosto 2012)

grazie La Repubblica








Banda larga, Belpaese in ritardo

"Un sogno per 12 italiani su 100"
Lo studio del superconsulente del governo, Francesco Caio, descrive una situazione difficile (adsl lentissime o non conformi ai valori dichiarati) e indica la via per colmare il gap col resto dell'Europa. Servono investimenti di ALESSANDRO LONGO


Queste e altre analisi, e dita puntate contro i problemi della banda larga italiana, sono presenti nel "Rapporto Caio": 105 pagine di slide pubblicate su Wikileaks. Un documento fino a pochi giorni fa riservato, letto solo da pochi addetti ai lavori vicini alle stanze del potere, ora è diventato disponibile a tutti gli utenti internet.

GLI ITALIANI esclusi dall'internet veloce sono il 12 per cento, ben più numerosi di quanto dicano le stime ufficiali (l'Adsl copre il 98 per cento della popolazione, secondo Telecom Italia). Sono infatti una finta banda larga quelle connessioni che vanno sotto il megabit al secondo. Ma non solo: le cosiddette Adsl velocissime, a 20 megabit, sono in molti casi un bluff visto che di rado superano i 10 megabit. Perciò bisogna intervenire subito, con un piano nazionale, altrimenti la situazione peggiorerà: servono 1,2-1,3 miliardi di euro per dare al 99 per cento della popolazione una banda larga almeno di 2 megabit, entro il 2011.

Queste e altre analisi, e dita puntate contro i problemi della banda larga italiana, sono presenti nel "Rapporto Caio": 105 pagine di slide pubblicate su Wikileaks. Un documento fino a pochi giorni fa riservato, letto solo da pochi addetti ai lavori vicini alle stanze del potere, ora è diventato disponibile a tutti gli utenti internet.

Com'è noto, è un rapporto commissionato dal ministero dello Sviluppo Economico al superconsulente del governo, Francesco Caio. L'obiettivo è duplice: fotografare lo stato della banda larga italiana e proporre soluzioni per recuperare il divario con il resto d'Europa; o, almeno, per non farci accumulare ulteriore ritardo.

È il classico bilancio impietoso. Per Telecom Italia, saremmo a un passo dal completare la copertura banda larga nazionale. Per Caio, la percentuale ufficiale è gonfiata dalla presenza delle "Adsl anti digital divide", che vanno solo a 640 Kbps. Velocità che, secondo il consulente, è ormai inadeguata per apprezzare i servizi internet, da quelli dell'intrattenimento e della (video) comunicazione digitale a quelli utili della pubblica amministrazione. Il problema è che Telecom può offrire solo questo tipo di Adsl mignon nelle aree sprovviste di fibra ottica. E Telecom, al momento, non ha nessun piano di espansione per coprire queste zone con fibra ottica.

A ridurre la percentuale di chi è veramente coperto da banda larga, inoltre, ci sono anche quei casi di utenti dove in teoria arriva l'Adsl, ma in pratica funziona male, perché le risorse sono carenti o i doppini telefonici sono troppo lunghi o fatiscenti. È il caso, per esempio, del comune di Randazzo (Catania), che ha fatto un comitato di protesta per la lentezza Adsl, con cortei nelle strade e ora ha aperto anche un gruppo su Facebook.

Ecco perché Caio propone un piano per portare quasi ovunque i 2 megabit (velocità invece considerata adeguata), con finanziamenti pubblici, e un misto di tecnologie: non solo l'Adsl, che in certe zone è troppo costosa portarla o funziona male a causa dei doppini; ma anche il wireless: Hiperlan, Umts/Hspa, WiMax (e, per l'appunto, l'operatore siciliano Mandarin sta ora parlando con i cittadini di Randazzo per eventualmente coprire il comune con il segnale WiMax). Caio stima che degli 1,2-1,3 miliardi di euro, circa il 45 per cento sarebbero concentrati nelle regioni del Nord-Italia, circa 35 per cento nel Centro Italia e il restante 20 per cento nel Sud e Isole.

Deludenti anche le Adsl 20 Megabit che, a quanto si legge nel rapporto, in molti casi sono una falsa promessa: solo il 15-20 per cento ha davvero i 20 Megabit come velocità massima. Nel 60 per cento dei casi non supera i 10 Megabit. Il motivo è sempre nei doppini, troppo lunghi, perché l'utente è troppo lontano dalla centrale telefonica, il che incide sulla velocità della linea.

Ma, soprattutto in prospettiva, si pone anche un problema di saturazione delle risorse. La vecchia rete in rame ha bisogno insomma di un aggiornamento e infatti in tutta Europa ci sono piani per portare, almeno nelle principali città, la fibra ottica più vicina alle case o addirittura al loro interno. Il rapporto Caio esorta l'Italia a fare altrettanto, auspicando una sinergia di risorse pubbliche e private (gli investimenti Telecom in fibra sono stati rivisti al ribasso e non bastano a farci tenere il passo con l'Europa). Questa sfida per il futuro viene in un momento di congiuntura molto sfortunato, però; soprattutto per l'Italia: a causa dell'emergenza terremoto in Abruzzo, non sono stati ancora stanziati gli 800 milioni di euro di fondi che il governo aveva previsto di assegnare per la lotta al digital divide.



grazie la Repubblica

Ultima 3-8-2012


BANDA LARGA Internet super veloce, Telecom frena "Non accelereremo sulle reti in fibra" Lo ha spiegato il presidente della compagnia Franco Bernabè.Una dichiarazione d'intenti che ha rassicurato gli investitori ma preoccupa non poco gli utenti e chi punta nella forza innovativa della rete ottica per lo sviluppo del paese. Ecco gli scenari possibili di ALESSANDRO LONGO Lo leggo dopo (reuters) RASSEGNAMOCI: la fibra ottica a 100 Megabit o a 1 Gigabit, per una internet di nuova generazione, la vedremo solo nelle grandi città, nei prossimi anni. Telecom Italia non ha nessuna intenzione di accelerare i propri piani, infatti, tutt'altro che avveniristici. L'ha spiegato il presidente Franco Bernabè durante la conference call sui risultati semestrali. Un intervento che è servito a rassicurare gli investitori, gli analisti finanziari, la Borsa insomma (che nelle ultime settimane ha messo parecchio sotto pressione il titolo). Sarà pure una buona notizia per loro- perché la cautela sugli investimenti in fibra significa più stabilità finanziaria, dividendi interessanti, riduzione del debito- ma è cattiva per crede nell'importanza innovativa della rete in fibra. Nel suo ruolo rivoluzionario per rilanciare l'economia italiana e portare servizi mai visti prima. Una nuova rete in fibra aumenterebbe il pil del 3 per cento annuo fino al 2030, secondo l'osservatorio "I costi del non fare" (presieduto da Andrea Gilardoni, della Bocconi). Ma Bernabè dice "non accelereremo sulla fibra", tanto le indicazioni dell'Unione Europea "sono solo programmatiche". Insomma, si tratta di leggi ma non dobbiamo rispettarle per forza. Sono indicazioni secondo cui un Paese che vuole restare moderno e competitivo dovrebbe dare i 30 Megabit al 100 per cento della popolazione e i 100 Megabit al 50 per cento entro il 2020. Resta quindi il piano Telecom di portare la fibra in 99 città entro il 2014 (7 milioni di famiglie), che diventeranno 250 nel 2018 (un'impresa stimata in circa due miliardi di euro). Nella prima fase però la nuova rete Telecom sarà fibra solo in parte: fino all'armadio in strada; l'ultimo tratto resterà in rame e quindi le prestazioni finali saranno con tutta probabilità al massimo 50 Megabit. Telecom potrebbe portarli a 100 con tecniche che spremono a fondo il rame (vectoring, bonding), ma non è detto che Agcom- l'Autorità garante delle comunicazioni che si è insediata nei giorni scorsi- glielo lascerà farà. Quelle tecniche infatti ad oggi impediscono ai concorrenti di usare la rete Telecom per offrire servizi agli utenti (e quindi violerebbero gli obblighi normativi in capo all'ex monopolista). Oltre i 50 Megabit non c'è certezza, quindi. Bernabè dice di voler avanzare seguendo la domanda dei clienti (e quindi non puntare subito con una copertura a tappeto e sulla fibra nelle case a 100 Megabit e oltre). "Ma la domanda di banda larghissima adesso non c'è. La domanda va creata, in queste cose", dice Francesco Sacco, direttore di Enter-Università Bocconi di Milano. Alle stesse conclusioni sono giunti i recenti studi del Cefriel (il Centro di ricerca e formazione nei settori Ict; una società consortile che ha tra i soci il Politecnico di Milano, l'Università degli Studi di Milano, l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, l'Università degli Studi dell'Insubria, la Regione Lombardia e 15 aziende multinazionali operanti nel settore ICT e dell'editoria multimediale). Del resto, basta guardare al passato della tecnologia: prima sono venute le Adsl e poi YouTube e la voglia di banda larga. Prima è venuto l'iPhone e poi le applicazioni (700 mila ormai quelle disponibili sull'App Store) e il piacere di navigare su internet dal cellulare. Secondo i concorrenti (rappresentati dall'associazione europea Ecta), Telecom investirà con lentezza nella fibra perché ha poco interesse a farlo visto che il prezzo del suo rame all'ingrosso è cresciuto e che, per volere della Commissione europea, resterà alto nei prossimi anni. La Commissione ritiene in questo modo di dare più risorse agli ex monopolisti europei, con le quali questi potrebbero investire nelle reti di nuova generazione. Non è un'equazione garantita, ma la Commissione ha scelto di puntare sul cavallo più favorito per favorire le nuove reti. D'altro canto, se il prezzo del rame scendesse gli operatori dominanti avrebbero meno capacità di investire e quindi non le farebbero affatto. Almeno, con un prezzo più alto, ne hanno la possibilità e dopotutto è anche loro interesse rinnovare la rete (non solo per abilitare nuovi servizi ma anche per ridurne i costi di gestione e manutenzione). Fatto sta che il risultato dell'equazione adesso in Italia è il piano di Telecom "ed è solo una quesitone finanziaria: tenere sotto controllo il debito", spiega Sacco. "I recenti problemi di Telecom in Brasile le daranno anche meno possibilità di investire nelle nuove reti italiane", continua. Il regolatore brasiliano Anatel ha dichiarato inadeguata la qualità delle reti mobili di Tim Brasil e l'ha costretta a investirci di più. Tim Brasil, America Movil e Oi, pressati da Anatel, si sono impegnati a investire l'equivalente di 9,8 miliardi di euro in totale nei prossimi due anni. E si tenga conto che il piano di Telecom è il più esteso, per la fibra ottica in Italia. C'è anche quello di F2i-Metroweb, ma è limitato a 30 città (più Milano, già coperta 1), dove porterà però fibra a tutti gli effetti: fino a dentro le case. Il fondo F2i di Vito Gamberale va avanti spedito: venerdì ha acquisito per 16,2 milioni di euro la rete genovese in fibra di Iren/Sasternet e punta ad accordi analoghi in altre città, a cominciare da Brescia, Torino, Bologna. Così la prospettiva nei prossimi anni è la seguente: pochi fortunati a 100 Megabit (pari al 20 per cento della popolazione, se la copertura di quelle città sarà completa con F2i). Meno di un terzo delle famiglie italiane (che sono 24 milioni, secondo l'Istat) potranno andare a 50 Megabit. La maggioranza dovrà accontentarsi dell'Adsl e della banda larga mobile di quarta generazione (Lte), le cui prestazioni reali però rischiano di essere, per i primi anni, simili a quelle di un'Adsl di buona qualità. (03 agosto 2012)








Italiano     Italiano

Qua sotto qualche "link" per assaggiare le diverse possibilità o una combinazione fra di essi.

Accidents will happen ...         Itinerari fatti col cuore        Antico Frantoio Ravagni di Anghiari since 1421         Ristorante nel Centro di Anghiari        Your private Cook at Home        









Dutch     Nederlands

Hieronder een in Nederland operatieve site (over een huisje hier om de hoek in Italia).

click me
casalascala.com


Klik onder op Web sites examples om meer te zien. click   Websites main Page   click








English     English

x  Monica        a Wedding in Tuscany       Casa a Lama        Ristorante nel Centro di Anghiari       









Italiano     

La ditta personale Arkimede di Alexander Paul Dijkema (nato in Olanda) disegna siti Web nel Valtiberina (prov. Arezzo _ Toscana).

Inoltre posso dare assistenza e consulenza in caso di problemi col computer, sia HardWare e SoftWare.

Da partire da € 400,= (ivata, i costi di circa € 60,= del "Spazio Web provider" per il cliente).


Dutch     

Arkimede van Alexander Paul Dijkema ontwerpt WebSites in Valtiberina (prov. Arezzo _ Toscana).

Vanaf € 400,= (incl. BTW, plus circa € 60,= voor de "WebSpace provider").


English     

Arkimede by Alexander Paul Dijkema (Dutch born, living in Italy) designs WebSites in the Valtiberina region (prov. Arezzo _ Toscana).

From € 400,= (incl. VAT, plus circa € 60,= for the "WebSpace provider").







Arkimede 1953




















e-mailinfo@arkimede.biz



property for sale